Un Natale tutto veg

di Enrico Matzeu
Stefano e Riccardo, ideatori del blog Gnambox, propongono a LetteraDonna il loro particolarissimo menù del 25 dicembre. Tra chips di cavolo, pasta al forno vegetariana e polpettone di carciofi.

Stefano e RiccardoIl Natale è alle porte: la corsa al pranzo del 25 dicembre è ufficialmente iniziata. Se però siete stufi del menù tradizionale a base di vitello tonnato, tortellini in brodo, cotechino e lenticchie, LetteraDonna.it vi propone un menù alternativo e, a dir poco, originale. Ci siamo fatti consigliare cosa preparare per il giorno più atteso dell’anno da Stefano e Riccardo di Gnambox.com, uno dei siti di cucina e lifestyle più seguiti del web.

Il pranzo di Natale a casa Gnambox.

Il pranzo di Natale a casa Gnambox.

IL PROGETTO GNAMBOX
Il progetto è nato qualche anno fa dall’idea di Stefano Paleari e Riccardo Casiraghi, coppia nel lavoro e nella vita, che avevano «voglia di fare qualche cosa insieme. Tornavamo a casa, la sera, dopo le nostre giornate in ufficio e in studio e avevamo voglia di sfogarci, di dare libertà a tutto quello che volevamo fare. La cucina è sempre stata una grande passione per noi». Definire Gnambox come un blog di cucina qualsiasi, però, è un po’ limitante. Il progetto si estende ben oltre internet, con iniziative all’insegna del piacere di vivere, in cui Stefano e Riccardo vengono spesso coinvolti. Nella loro cucina, poi, ospitano sempre personaggi della moda, dello spettacolo e della musica, che immortalano mentre sono alle prese con la preparazione di ricette, sempre curiose. La lista dei prossimi ospiti è top secret, ma «se dobbiamo proprio esagerare, in questo momento ci piacerebbe avere in cucina Sam Smith. A parte gli scherzi, vorremmo invitare personaggi legati al mondo dello sport e della musica. Un concerto in cucina potrebbe proprio essere bellissimo!».

Come decorare i tovaglioli per Natale secondo Gnambox.

Come decorare i tovaglioli per Natale secondo Gnambox.

COPPIA IN CUCINA
Oltre a essere due maestri della comunicazione web, e a essere quindi riusciti a rendere virali le loro ricette e il loro modo di vivere, sono anche un’affiatata coppia, che è riuscita a fare ciò che a molte coppie non riesce, vivere e lavorare assieme ventiquattro ore al giorno: «All’inizio non è stato facile: litigavamo sempre. Poi abbiamo capito in modo molto naturale che era meglio dividersi i compiti e sfruttare al meglio le capacità di ognuno di noi. Adesso Riccardo si occupa della parte relativa alla cucina, mentre Stefano gestisce tutti i social e scatta le foto delle preparazioni dei piatti. Entrambi poi ci confrontiamo sempre quando dobbiamo prendere delle decisioni editoriali».

IL NATALE VEGETARIANO
Per loro il Natale è «quando mangi la prima fetta di torta gastronomica. Quella con il mascarpone e il gorgonzola per intenderci. È una di quelle portate che non deve mai mancare in tavola e che ci concediamo solo in questo periodo». Quest’anno, però, hanno voluto proporre ai loro lettori un menù interamente vegetariano «perché noi a casa siamo praticamente vegetariani, non cuciniamo quasi mai la carne. Tanti nostri amici sono vegetariani e ci sembrava utile proporre un menù che potesse mettere d’accordo tutti. È anche molto facile trasformarlo in un menù gluten free».

Le Kale Chips di Gnambox.

Le Kale Chips di Gnambox.

ANTIPASTI ALTERNATIVI
Nel loro menù delle feste, al quale hanno dedicato un’intera sezione del loro sito, tra gli antipasti ci sono i cracker di semi da abbinare a una crema aromatica di zucca e le kale chips, ovvero delle chips di cavolo nero. Un modo originale di mangiare il cavolo, insomma, o di farlo mangiare ai bambini. Stefano e riccardo lo hanno «recentemente abbiamo rimangiato a Londra e abbiamo pensato potesse essere carino servirle come antipasto a Natale. Sono super facili da fare e abbastanza insolite».

La pasta al forno integrale con cavolfiori di Gnambox.

La pasta al forno integrale con cavolfiori di Gnambox.

LASAGNA VEGAN
Come primo piatto, invece, dimenticatevi le lasagne della nonna e puntate sulla pasta al forno integrale con cavolfiori che «sicuramente è più facile da fare rispetto ad una lasagna tradizionale che vuole ragù homemade e pasta fresca. Ci piace molto la pasta al forno e pensare di farne una con i cavolfiori colorati ci è sembrata un’alternativa davvero nel nostro stile». Stefano e Riccardo assicurano però di non volersi «mettere contro le nonne di Italia». Quindi, se proprio non resistite al richiamo del ragù, uno strappo lo potete anche fare. In fondo è Natale.

Il polpettone di carciofi e ceci di Gnambox.

Il polpettone di carciofi e ceci di Gnambox.

POLPETTONE SENZA CARNE
Il secondo prevede invece il polpettone 100% vegano «con i carciofi, di stagione in questo periodo, e i ceci. È stato divertente trovare una ricetta che potesse sostituire quella di un cult così carnivoro!». Per mangiare la frutta in modo originale, ci sono poi le clementine al cioccolato e cardamomo.

Il pranzo di Natale a casa Gnambox.

Il pranzo di Natale a casa Gnambox.

COME APPARECCHIARE LA TAVOLA
I consigli di Gnambox vanno però anche oltre le pietanze, perché mangiare bene è importante, ma anche l’occhio, oltre che il palato, vuole la sua parte. Loro amano apparecchiare la tavola in modo semplice e «per quest’anno abbiamo deciso di fare delle boule de neige home-made, così ci puoi mettere all’interno quello che vuoi. In tavola abbiamo lasciato anche i nostri tanto amati cactus e a abbiamo chiuso i tovaglioli con fili colorati, erbe aromatiche e chips di agrumi. Altra cosa carina da fare è attaccare ai calici del vino dei palloncini gonfiati ad elio. L’effetto è molto di impatto».

Immagine anteprima YouTube
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*