Beauty

Vince la linea morbida

di Stefania Maroni
Anche la scienza ama le curve, ma vanno preservate con dieta, attività fisica e trattamenti ad hoc.

La magrezza a tutti i costi ha perso appeal: la moda non è più fossilizzata sulle taglie piccole e il fascino delle curve viene riconosciuto anche in ambito universitario. Uno studio effettuato da Devendrah Singh, ricercatore della Texas University, infatti, ha dimostrato che la forma ad anfora, tipica delle donne mediterranee, è la più apprezzata in tutte le culture.

bilancia

L’IMC ideale è compreso tra 20 e 25.

QUESTIONE DI PESO
Un dato di cui tengono conto i nuovi parametri di valutazione dell’indice di massa corporea, che si calcola dividendo il proprio peso per l’altezza al quadrato: un risultato tra 18,5 e 25 viene considerato nella norma, ma è bene non scendere sotto il 20. Se le curve guadagnano terreno, sovrappeso e cellulite rimangono comunque nemici da combattere, con un’alimentazione equilibrata, la giusta dose di attività fisica e, quando è il caso, trattamenti estetici ad hoc.

siciliandiet

La sicilian diet è salutare e non richiede grandi sacrifici.

LA SICILIAN DIET
Quando i chili di troppo sono meno di cinque, si può tranquillamente perderli senza l’aiuto del nutrizionista. Basta ritoccare lo stile di vita, a partire dall’alimentazione. Per esempio, seguendo la sicilian diet, che non è solo di gran moda, ma anche molto efficace e per niente mortificante: è a base di pesce e verdura (al vapore o ai ferri, conditi con poco olio di oliva extra-vergine) e agrumi. Per insaporire, niente sale ma spezie di ogni genere.

PEPERONCINO A VOLONTÀ
Chi ama i cibi piccanti, poi, può fare largo uso di peperoncino, che ha straordinarie proprietà dimagranti. Merito della capsaicina, una sostanza che, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Proteome Reserarch, attiva alcune proteine in grado di favorire lo smaltimento del grasso superfluo e di contrastarne l’accumulo. C’è di più: un altro studio, di cui ha dato notizia l’European Journal of Clinical Nutrition, ha dimostrato che la capsaicina riduce l’appetito.

walking

Se l’obiettivo è perdere peso, meglio una salutare camminata che una corsetta.

DIMAGRIRE SENZA CORRERE
Chi pensa che il jogging sia l’ideale per perdere peso sbaglia di grosso. Per dimagrire, è meglio una passeggiata quotidiana di 40 minuti, a una velocità di 4 chilometri all’ora circa. Da uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università di Verona, infatti, è emerso che questa semplice attività fisica permette di bruciare circa 150 calorie, attingendo l’energia necessaria soprattutto dai grassi, ovvero dai depositi adiposi. A un’andatura più sostenuta, invece, il dispendio calorico è maggiore, ma si consumano meno grassi e più carboidrati, che costituiscono un prezioso carburante per i muscoli.

UN AIUTO DALL’ALTA TECNOLOGIA
I cosmetici snellenti sono sicuramente utili contro le adiposità localizzate (nella gallery trovate una selezione di creme con formule all’avanguardia), ma non sempre sono sufficienti. In questi casi, si può tentare con la medicina estetica, che spesso dà ottimi risultati. Tra le novità più interessanti, merita una segnalazione l’apparecchio UltraShape V3. Alberto Cola, terapista della riabilitazione presso il centro medico Metis di Milano, ci spiega come funziona.

UN MIX DI TRE METODICHE
«Si tratta di uno strumento dotato di due manipoli. Uno serve per l’emissione di ultrasuoni, in grado di raggiungere le cellule adipose e di danneggiarle, consentendo così la fuoriuscita del grasso, poi eliminato attraverso i naturali processi metabolici», assicura l’esperto. «L’altro veicola la radiofrequenza, che stimola la sintesi di fibre elastiche, quindi migliora il tono e la compattezza della pelle. Con lo stesso manipolo si effettua anche la vacuum terapia, che aumenta l’irrorazione sanguigna della parte interessata». Per ottenere una riduzione visibile dei pannicoli adiposi, sono necessari due-tre trattamenti, ma solo il primo richiede l’uso di entrambi i manipoli. Nei successivi viene impiegato solo quello di radiofrequenza e vacuum terapia (per info visita il sito ufficiale metisonline.it).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*