Salute

Giovani con il sudoku

di Caterina Belloni
Secondo una ricerca finlandese insieme con il ballo e il pesce aiuta a invecchiare con stile.

ThinkstockPhotos-481124073Mangiare pesce, ballare almeno due volte la settimana e allenarsi al sudoku. Ecco le tre regole chiave per mantenere giovane la mente e invecchiare con stile. A definirle sono stati alcuni studiosi finlandesi che hanno compiuto una ricerca su un campione di 1260 uomini e donne tra i 60 e i 77 anni. Alla metà di loro hanno semplicemente raccomandato di mangiare in modo sano e di fare movimento, per gli altri invece hanno stabilito una serie di attività e regole precise. Ginnastica e fisioterapia da una a tre volte la settimana per rinforzare i muscoli e poi lezioni di aerobica da due a cinque volte la settimana. Ancora allenamento per il cervello usando programmi al computer, dal sudoku, particolarmente efficace, a cruciverba e giochi di logica. Infine una dieta accurata con pesce almeno due volte la settimana, tanta frutta e verdura, per condimento solo olio di oliva o oli vegetali.

MIGLIORI AI TEST MENTALI
Dopo due anni gli studiosi hanno messo a confronto i due gruppi. Scoprendo che quelli che ballano, giocano a sudoku e mangiano sano hanno risultati nei test mentali in media del 25% migliori rispetto agli altri con punte anche superiori per alcuni aspetti. Ad esempio per le funzioni esecutive, cioè la capacità di processare le informazioni e organizzare i risultati, sono stati dell’85% migliori, mentre la velocità di valutazione degli eventi è risultata del 150% più alta rispetto a quella dell’altro gruppo, invitato a vivere genericamente in modo sano.

LOTTA ALL’ALZHEIMER
L’indagine, che ha dato risultati entusiasmanti, non è però conclusa. Gli studiosi continueranno a seguire i due gruppi per altri sette anni per cercare di capire se questo stile di vita possa aiutare anche a prevenire l’Alzheimer e la demenza senile. I responsabili dell’istituto Karolinska di Stoccolma, che hanno portato avanti la ricerca, sono convinti che cambiare le proprie abitudini, seguendo queste indicazioni, potrebbe davvero rallentare in modo significativo la perdita della memoria, che è associata all’aumento dell’età, e il declino mentale degli individui.

LE ALTERNATIVE
A chi non ama particolarmente andare in palestra, poi, è stato raccomandato di sostituire le sessioni di aerobica con serate o pomeriggi di danza. Nessuna indicazione viene data sul tipo di ballo da preferire. L’importante è muoversi con costanza, perché in un corpo sano in genere alloggia anche una mente in piena efficienza. Interessante anche la riflessione che riguarda l’uso del computer. Di fronte a un adulto che si cimenta con i giochi elettronici c’è chi storce il naso, ma molto dipende dal tipo di attività. Il Sudoku, come le parole incrociate fatte al computer, aiutano molto a mantenere la mente elastica e a rendere rapide le reazioni.Anche leggere ovviamente può risultare un esercizio utile per rimanere giovani come decidere di imparare una nuova lingua straniera.

UN CONSIGLIO PER LA PENSIONE
In fondo ogni sforzo mentale rappresenta una forma di allenamento e l’allenamento fortifica. Tanto che i responsabili della ricerca sollecitano anche le persone che hanno più di sessant’anni a fare cose innovative. C’è la convinzione che dopo una certa età i cambiamenti radicali possano risultare dannosi. Forse è vero, ma per gli esperti finlandesi qualche piccolo mutamento nelle abitudini giova. E permette di tenersi desti ed efficienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Cibi amici, Mangiar sano Argomenti: , , , Data: 23-03-2015 01:09 PM


Lascia un Commento

*