Sorprese

Miele, l'ultimo anti-fame

di Daniela Uva
Un cucchiaino ogni sera toglie la voglia di zuccheri. Regola il metabolismo. E fa perdere peso.
Miele. Un cucchiaino ogni sera stimola il metabolismo e taglia la fame.

Miele. Un cucchiaino ogni sera stimola il metabolismo e taglia la fame.

Prima è stata la volta della cioccolata: basta mangiarne un pezzetto tutti i giorni per dimagrire in modo significativo, ci hanno assicurato. Adesso è il miele a entrare nell’Olimpo di quegli alimenti che, miracolosamente, fanno perdere peso. Il merito è di un nuovo regime alimentare messo a punto in Gran Bretagna secondo cui basta mangiarne un solo cucchiaino ogni sera per rimettersi in forma velocemente. L’importante è assaporarlo appena prima di andare a dormire.
STOP AL DESIDERIO DI ZUCCHERI
Un miraggio? Niente affatto, almeno a sentire i dietologi britannici. Le proprietà naturali del miele sarebbero, infatti, in grado di scatenare cambiamenti al livello del metabolismo. Questi permetterebbero di bruciare più velocemente gli zuccheri durante la notte. Ma non basta: mangiare del miele prima di andare a letto scatenerebbe nel cervello meccanismi in grado di fermare il desiderio di zucchero e di cibi a base di carboidrati. Insomma, sarebbe possibile perdere peso senza passare il tempo a contare le calorie, a cucinare verdure prive di sale o ad acquistare costosi preparati dietetici.
UN SEGRETO CHE PIACE ALLE STAR
A mettere a punto il programma è stato il nutrizionista inglese Mike McInnes: è stato lui a scoprire nel miele una preziosa combinazione di zuccheri che, invece che far ingrassare, aiuta a dimagrire senza soffrire.
Proprio per questa ragione il suo nuovissimo regime alimentare – già opzionato da star e personaggi noti – permette di mangiare senza problemi dolci, pane, muffin e biscotti: l’importante è che nell’impasto sia usato il miele al posto dello zucchero.
«Anche gli alimenti a basso contenuto di grassi apparentemente sani sono molto spesso pieni di zuccheri nascosti o di farina bianca», ha spiegato l’esperto. «Questo significa che il nostro livello di zucchero nel sangue resta intermittente per tutto il giorno. Il corpo affronta tale sovraccarico rilasciando l’ormone insulina, che filtra lo zucchero dal sangue e permette all’organismo di immagazzinarlo come grasso».
Un processo che, con il miele, sarebbe bloccato: «Questa sostanza naturale mantiene il livello di zuccheri abbastanza costante. In questo modo il cervello non avverte un’assenza e non si sente affamato. Così non invia all’organismo l’impulso di immagazzinare carboidrati».
DIETA POCO EQUILIBRATA
Ma c’è chi nutre qualche dubbio su questo meccanismo. «Temo che un alimento così dolce e dannoso per alcune categorie di persone, come i diabetici, possa essere consigliato come regime di rieducazione alimentare», ha precisato la dietista e nutrizionista Tiziana Scruci. «Qualunque dieta basata su un solo alimento alla lunga risulta inevitabilmente squilibrata. E questo discorso ovviamente vale anche per i regimi alimentari che si basano sull’assunzione dei soli carboidrati». Cosa fare, allora, se si vuole dimagrire restando anche in forma? Non ha dubbi l’esperta: «La migliore dieta che sia mai stata messa a punto è quella mediterranea, quella alla quale noi italiani siamo abituati fin dalla nascita. È in assoluto la più sana ed equilibrata. A patto che tutti gli alimenti siano assunti con moderazione. E non dobbiamo mai dimenticare che ogni dieta deve essere personalizzata. Non esiste un regime alimentare valido per tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Cibi amici Argomenti: , Data: 03-12-2013 10:45 AM


Lascia un Commento

*