TORMENTONI

Dimagrire con un occhio all'orologio

di Francesca D'Elia
Si riparla di colazione abbondante, pranzo ricco e cena frugale. Grazie a una nuova ricerca Usa.
Dieta dimagrante. Secondo uno studio Usa mangiare di più a colazione e pranzo fa diminuire l'indice di massa corporea. (Thinkstock)

Dieta dimagrante. Secondo uno studio Usa mangiare di più a colazione e pranzo fa diminuire l’indice di massa corporea. (Thinkstock)

Remise en forme, dieta, alimentazione corretta: con l’avvicinarsi della prova costume, per la maggior parte delle donne buttare giù quei fastidiosi centimetri in eccesso accumulati durante il caldo inverno diventa una vera e propria ossessione, oltre che una corsa contro il tempo. E così scegliere qual è il programma giusto per ritrovare la forma ideale e mantenerla è davvero una impresa: dalla dieta a zona alla mediterranea, gli esperti si dividono.
OCCHIO ALL’OROLOGIO
C’è chi dice che bisogna mangiare poco e spesso, chi invece sostiene che dopo il tramonto è  preferibile non assumere cibo: insomma il tema è caldo e in continua evoluzione. Ma a chi dare ragione? Secondo quanto emerso al meeting dell’American Diabetes Association è preferibile alimentarsi tenendo d’occhio l’orologio: uno studio ha dimostrato che fare una colazione e un pranzo abbondanti assicurano un calo maggiore dell’indice di massa corporea.
MANGIA A PRANZO E COLAZIONE
La ricerca è stata effettuata su un campione di 52 persone affette da diabete di tipo 2 e persone in sovrappeso, divise in due gruppi. A parità di calorie introdotte nella giornata, un gruppo le ha consumate a colazione e a pranzo, il secondo suddividendole in sei spuntini divisi nella giornata. I due regimi alimentari sono stati somministrati per dodici settimane, ottenendo risultati differenti: coloro che avevano assunto le calorie a colazione e a pranzo ha perso una media di 1.23 punti dell’Indice di massa corporea, mentre gli altri lo 0,82.
UNA CENA DA POVERI
Hana Kahleova, direttrice dell’indagine, ha spiegato che la filosofia di questa dieta si basa sul controllo a tavola in base agli orari della
giornata: «I nostri risultati supportano il detto antico ‘mangia a colazione come un re, a pranzo come un principe e a cena come un povero’ per vivere a lungo». La frequenza dei pasti è importante e gli orari migliori sono fare una colazione fra le 6 e la 10 del mattino e un pranzo fra le 12 e le 16. «Due pasti al giorno portano a una calo di grasso nel fegato e a un incremento della sensibilità all’insulina maggiore rispetto a quando si spezzano i pasti e si diluiscono nell’arco della giornata», aggiunge ancora l’esperta.
BREAKFAST LOVER
L’esperta punta il dito contro coloro che non fanno mai colazione: «Saltare la colazione e mangiare di più nella giornata è sbagliato anche perché il deposito dei grassi è maggiore nel pomeriggio e alla sera dopo la cena, il segreto è invertire l’ordine e consumare i cibi soprattutto al mattino e a pranzo». Il segreto, quindi, è concedersi sempre una breakfast abbondante e sana, magari regalandosi proprio durante la mattinata qualche piccolo sgarro e dolcezza per il palato. Perché fare strappi alla regola si può, basta solo tenere sotto controllo l’orologio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Calorie, Perdere peso Argomenti: , , , , Data: 27-06-2013 10:39 AM


Lascia un Commento

*